Il tesoro d’argento

58 kg di argento puro, lavorato in 270 oggetti come piatti, cucchiai, monete e ancora molto altro: il tesoro d’argento di Augusta Raurica è uno dei più preziosi e importanti tesori della antichità.

I suoi proprietari erano seguaci di alto rango dell’imperatore. Oltre ai regali privati, il tesoro d’argento contiene anche doni dell’imperatore stesso. In questo modo assicurava la lealtà dei suoi subordinati e rafforzava i rapporti di amicizia.

Il valore del tesoro d’argento era immenso a quel tempo: corrispondeva al salario annuo di 230 legionari. E tutto questo apparteneva a uno, forse due ufficiali di alto rango dell’esercito.

Verso l’anno 351 d.C. seppellirono il tesoro nel Castrum Rauracense: una misura precauzionale in relazione alle lotte di potere politico interno e alla minaccia dei germani. Non fu più scavato fino al 1961, quando un escavatore scoprì gli oggetti durante i lavori di costruzione. Il tesoro è stato scoperto per caso nella primavera del 1962, ma 18 pezzi sono riapparsi solo nel 1995.

Publikation
Forschungsbericht

Der spätrömische Silberschatz von Kaiseraugst: Die neuen Funde

Martin A. Guggisberg (Hrsg.)
FiA 34
Silber im Spannungsfeld von Geschichte, Politik und Gesellschaft der Spätantike.
150.-
01. gennaio 2003
Publikation
Augster Museumshefte

DER SCHATZ - Das römische Silber aus Kaiseraugst neu entdeckt

Beat Rütti, Catherine Aitken
AMH 32
01. gennaio 2003